Come si fa una buona mantecatura

mantecaturaCome si fa una buona .

e risotti sono tra i nostri piatti preferiti, sono già buoni di per se ma possiamo renderli ancora più appetitosi grazie a una bella mantecatura, ma come si fa una buona mantecatura? Credetemi, è più facile a farsi che a dirsi.

Innanzitutto dobbiamo sapere che l’operazione di mantecare va sempre fatta a fine cottura, indipendentemente che si tratti di pasta o di , inoltre la si deve fare sempre in padella, ma vediamo bene come procedere.

In parole povere potremmo dire che la mantecatura consiste nel mischiare molto bene gli tra di loro fino a renderli omogenei, ma quali sono questi ingredienti? Di sono la pasta ed il riso, i quali possono essere mantecati con l’aggiunta di salse, e formaggi vari, a seconda della che stiamo preparando.

Tra le nostre ricette presenti in archivio vi segnaliamo quella delle Pennette mantecate, ma ne troverete altre, basta guardare nella colonna di sinistra del nostro sito e nella finestrella “Cerca ingrediente” inserire i termini che vogliamo ricercare.

Procedimento:

Se vogliamo mantecare il nostro , una volta arrivato a fine cottura spegniamo la padella dove lo abbiamo cucinato e aggiungiamo il burro freddo in fiocchi, e il formaggio grattugiato che può essere del pecorino sardo, del parmigiano o del grana, a voi la scelta.

L’importante è che comunque si tratti di un formaggio stagionato, in modo da diventare bello cremoso. Per un ottima mantecatura pesate burro e formaggio, il burro deve avere il doppio del peso rispetto al formaggio e non deve superare il peso del risotto del 20%.

Per esempio, se dovete mantecare 200 grammi di risotto, metterete 40 grammi di burro e 20 grammi di pecorino sardo, noi stiamo parlando del risotto ma questi accorgimenti valgono anche per la pasta, in questo caso se userete una al posto del burro dovrà comunque avere il doppio del peso del formaggio e non superare il 20% del peso della pasta.

Prima di fare tutto questo però una volta spento il fuoco lasciate riposare il risotto per almeno un minuto, solo dopo questo minuto cominciate la mantecatura, procedete quindi mescolando per bene e scuotete il tegame con un movimento del polso, magari all’inizio dovrete fare un po di pratica ma ci prenderete gusto.

Quando il risotto farà il movimento a “onda” vuol dire che la mantecatura è stata eseguita nel migliore dei modi. Bravi!!!

 

 

(Visited 205 times, 1 visits today)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: