Canederli o Gnocchi di pane

Direttamente dal trentino Alto Adige, i Canederli o Gnocchi di pane hanno conquistato l’Italia, ma la loro origine spazia oltre i confini italiani, sono infatti originari dell’Europa che va dalla Germania, alla Polonia e fino ai Carpazi.
In Italia oltre che nel Trentino sono diffusissimi nel Friuli, anche se cambiano denominazione.
Gli ingredienti sono semplici ma la bontà è grande, sono un piatto per tutte le stagioni visto che possono essere consumati sia caldi che freddi ed accompagnati a diverse salse.
Vediamo adesso come prepararli … e per l’accompagnamento decidete voi.

Canederli o Gnocchi di pane
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gdi pane ((mi raccomando, solo pane raffermo))
  • 250 mldi latte intero
  • 100 gdi speck
  • 3uova
  • 1cipolla
  • q.b.erbe aromatiche (noi consigliamo l’erba cipollina ma lascio la scelta a voi, anche un bel mix va benissimo.)
  • q.b.brodo di carne

Preparazione

  1. Iniziamo prendendo il pane raffermo e con un coltello facciamolo a cubetti, più o meno della stessa misura e comunque non troppo grandi.

  2. Mettiamo i cubetti di pane in una ciotola abbastanza capiente e versiamoci sopra il latte freddo, lasciamo riposare in modo che il pane assorba bene il latte.

  3. In una padella dal fondo anti aderente mettiamo a rosolare la cipolla tritata finemente con lo speck (tagliato a listarelle).

  4. A questo punto riprendiamo la ciotola con il pane ed il latte ed aggiungiamo al composto la cipolla e lo speck che abbiamo appena rosolato, aggiungiamo anche le uova e l’erba cipollina (o quello che avete scelto), mescoliamo bene per amalgamare il tutto.

  5. Creiamo adesso con le mani delle palline della grandezza di una noce, sistemiamole su una spianatoia di cui avremo infarinato la superficie.

  6. In una pentola facciamo bollire il nostro brodo ed immergiamo i canederli, bastano 10 – 12 minuti per cuocerli perfettamente.

    Scoliamoli e serviamoli a nostro piacere o con un fondo di brodo o sopra il burro fuso aromatizzato con le erbette.

Varianti

Le varianti sono davvero tante, a cominciare dalla cottura, se li volete più leggeri cuoceteli nell’acqua invece che nel brodo; lo speck può essere sostituito con la pancetta fatta a listarelle; esiste anche una versione dolce dei canederli o gnocchi di pane di cui parleremo più in là.

E il vino giusto?

Bàcco

Dopo i Canederli il vino giusto è Bàcco della Società Agricola Siddùra, per saperne di più visitate la nostra pagina della “Società Agricola Siddùra Srl

/ 5
Grazie per aver votato!
(Visited 45 times, 1 visits today)
No tags for this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: